PENSIERI DI ACQUERELLO

15-03-2018Esposizioni

Mostra collettiva di acquerelli su carta presso

Castello di Nervi – passeggiata Anita Garibaldi -

Espongono Francesca Bellati, Anita Chieppa, Giorgio Dapino, Anna Trucco Lanza

Inaugurazione: Giovedì 15 marzo ore 17.00 

Parteciperà Carolin Goedeke in una improvvisazione sonora con clarinetto di bassetto

Orario: feriali e festivi dalle 15.00 alle 19.00 – Chiuso il lunedì

Ingresso libero

 

Eventi collaterali all’interno della mostra:

domenica 18 marzo ore 14.30: “Fiori informali” Laboratorio per adulte/i a cura di Anita Chieppa – esperta in didattica dell’arte – con illustrazione della mostra

venerdì 23 marzo ore15.00 “pittura en plein air” con Francesca Bellati e Giorgio Dapino

 

In Cina, a partire dal 200 a.C., l'acquerello, prima su seta e poi su carta, è la tecnica "madre" nell’arte con rappresentazioni di soggetti religiosi ma soprattutto di paesaggi, animali e fiori. In Europa, invece, è da sempre considerata tecnica "minore", usata nel 1500 per illustrazioni botaniche, poi per studi e schizzi da viaggio, e raramente nelle Accademie viene insegnata.

 Trasparente e luminoso, con il suo senso di sospensione, l’acquerello si rivela capace di rappresentare con rapidità mondi che sono al di là del primo rapido sguardo, della prima superficiale impressione.

L'acqua e la carta ne sono gli elementi essenziali...il colore gioca con l'acqua attraversando carte spesse e porose...

..in acquerello il bianco non esiste...la luce è il bianco della carta... 

 

In attesa di Euroflora, questa esposizione presenta tre artiste - Francesca Bellati, Anita Chieppa, Anna Trucco Lanza - ed un artista - Giorgio Dapino - che "pensano l'acquerello" per tradurre la sua ampia e magica grammatica in temi vegetali e floreali, con l’idea di aggiungere bellezza alla bellezza. E ognuno lo fa attraverso la propria visione e il proprio modo di concepire l’acquerello e il soggetto. Tutti sono chiamati a rappresentare, un mese prima dell’apertura della manifestazione, il mondo floreale che ne sarà il protagonista. E’ una sorta di anticipazione, un “aperitivo” nella bellezza idealizzata allestita all’interno del Castello di Nervi, che stuzzica la voglia di tornare per vedere, poi, dal vero le composizioni che comporranno il lungo percorso di Euroflora.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito acconsenti tale utilizzo in conformità con la Cookie Policy. Approfondisci